Animali esotici e selvatici

sivas_foto_03 sivas_foto_01 sivas_foto_02

Per animali esotici e selvatici, difficilmente gestibili specialmente nel periodo post operatorio, la chirurgia mini invasiva risulta estremamente vantaggiosa.

In seguito ad un intervento chirurgico eseguito con la tecnica mini invasiva, gli animali recuperano rapidamente, ciò significa che possono tornare rapidamente nella loro area abituale, senza alcuna necessità di degenza o eventuale allontanamento dal gruppo sociale.

In questo tipo di intervento i fori di accesso dove vengono inseriti la telecamera e gli strumenti chirurgici sono talmente piccoli, che il rischio di apertura o di infezione è minimo. Questo torna particolarmente utile in quanto l’ispezione e la disinfezione della ferita operatoria risulta pressochè impossibile in animali non avvicinabili.

Nella nostra esperienza, i grandi felini e i primati traggono enorme vantaggio da questo approccio chirurgico, in quanto tendono notoriamente a togliere i punti di sutura della chirurgia tradizionale.
Inoltre essendo i primati in particolare animali sociali, risentirebbero molto in caso fosse necessario un isolamento per degenze post operatorie prolungate.

Interventi chirurgici di controllo della riproduzione (anche reversibili come utilizzati in medicina umana) nel rispetto del comportamento sociale degli individui, possono essere eseguiti in laparoscopia in tempi brevi e con la massima sicurezza per il paziente.

La tecnica laparoscopia o vaginoscopica permette inoltre, a supporto di altre tecniche come il monitoraggio ormonale e l’ecografia dell’apparato riproduttivo, di realizzare interventi di fecondazione assistita in animali selvatici ed esotici, in analogia alle tecniche utilizzate in medicina veterinaria per gli animali domestici.

Vai al sito di Sivas Zoo

Lascia un commento